Hai bisogno di essere richiamato?
Una società internazionale di management di transizione

Solidarietà, onestà, debita attenzione e performance: questi sono i valori che ispirano l’offerta di management di transizione di CAHRA, che è stata regolarmente arricchita dalla sua creazione nel 2009 per rispondere il più possibile alle esigenze operative operative dei suoi clienti francesi e internazionali. Questa offerta è distribuita in Europa – l’Italia é il punte di diamante, dopo la Francia – così come in Nord America, India e Cina.

Successo nella vostra transizione con i manager CAHRA

David KIDD
Manager di transizione
di CAHRA

Competenza dei nostri manager

I manager di transizione di CAHRA hanno una solida esperienza che conferisce loro il distacco necessario per intervenire efficacemente. Come veri esperti, sfruttano le loro esperienze professionali come una “cassetta degli attrezzi” manageriale per rispondere ad ogni problematica, tenendo conto della cultura e delle specificità di ogni organizzazione. Diverse competenze chiave strutturano le loro missioni:

  • L’intelligenza relazionale, alimentata dall’intelligenza emotiva;
  • L’ascolto attivo e l’empatia;
  • La meta-postura o “passo laterale”

Successo nella vostra transizione con i manager CAHRA

L’incontro di rilevazione proposto dalla nostra società di management di transizione ha lo scopo di raccogliere le vostre aspettative durante uno scambio approfondito che coinvolge il manager di transizione e il direttore dell’incarico, che ha il compito di supervisionare l’intervento fornendo un punto di vista esterno oltre che competenze aggiuntive. È in questa fase che si esplorano i fattori di cambiamento – la cultura, le donne e gli uomini della vostra azienda, il vostro impegno personale per la trasformazione…

Come funziona?

1

Valutazione del bisogno

Questa prima fase dà luogo a:

Un incontro per rilevare i bisogni espressi dal committente (come indicato sopra);

Un incontro di feedback per condividere un piano d’azione manageriale iniziale, che sarà perfezionato una volta che il manager di transizione avrà iniziato la sua missione.

2

Mettere in atto le risorse necessarie per la transizione

È in questa fase che vengono effettuate:

L’alleanza, la comunicazione – con o verso il committente e i team;

Diagnosi dei cambiamenti da apportare;

Un piano d’azione molto dettagliato, che tiene conto di tutte le realtà operative;

L’identificazione dei leader naturali per sostenere e guidare la trasformazione, anche dopo che se ne sarà andato il manager di transizione;

Dei Quick Win, per mostrare i cambiamenti che si possono ottenere molto rapidamente;

La liberazione dalle convinzioni limitanti, spesso operanti a livello inconsci o;

Il lavoro con le interfacce, al fine di prendere in considerazione non solo la problematica identificato, ma anche il suo impatto sul suo ambiente.

3

Monitoraggio dei cambiamenti e dei risultati

Affinché la trasformazione operata sia sostenibile, sono indispensabili due meccanismi:

I report, per misurare l’azione, il progresso del piano d’azione, così come la performance dell’azione e la capacità di sostenerla nel tempo – in questo senso, questi rapporti mirano a identificare le tendenze e a guardare al futuro;

La valutazione di fine missione, che cerca in particolare di assicurarsi che i team si siano ben appropriati del cambiamento, attraverso gli strumenti, le responsabilità assegnate e le modalità di funzionamento – in una logica di “sistema” diventato auto-apprendente.

Dei clienti soddisfatti

I nostri ultimi articoli

Vi siete mai chiesti se la vostra azienda è davvero pronta per iniziare un processo di Digital Transformation? Oggi chi vuole sopravvivere ad un ambiente altamente competitivo non...

Leggi di più

IL CASO DI DIMACO, CHINON (FR) Il cliente - Chi è DIMACO Forte di quasi 40 anni di esperienza, DIMACO è il principale produttore di idropulitrici francese, vero punto di riferi...

Leggi di più
1 2 3

Voglia di trasformarsi e di cambiare?
Aiutateci a comprendere le vostre esigenze:

Quando desiderate essere contattati da CAHRA?

Cos'è il management di transizione?

Si tratta di una soluzione manageriale che consiste nell’affidare temporaneamente una posizione di direzione a un manager esterno. Lo scopo di quella che noi consideriamo una professione a pieno titolo – il management di transizione – è la trasformazione attraverso il management. Noi interveniamo quando due fattori si uniscono:

  • Un bisogno di risorse nell’organizzazione, in caso di un posto vacante;
  • Un contesto di trasformazione, di mutazione o di rottura, che richiede l’i ntegrazi one di una persona i n grado di accompagnare i team nel cambiamento.

Qual è la differenza tra manager ad interim e manager di transizione?

A differenza del management ad interim, gli incarichi di transizione di CAHRA non rispondono solo a un bisogno di sostituzione in una posizione di direzione. Gli incarichi che la nostra società di management di transizione realizza includono una forte di mensione trasformativ a, che si ri fletterà nei processi i nterni e nella cul tura manageriale. Il manager di transizione mobilita gli strumenti e i metodi per realizzare il cambiamento, coinvolgendo il personale interno in un approccio di co-costruzione, mentre il manager ad interim si accontenta di occupare una posizione fino all’arrivo di un nuovo direttore.

Perché CAHRA?

Il nome stesso di CAHRA è una testimonianza della differenza e del plus-valore della nostra azienda di management di transizione. In effetti, il carato è un valore di riferimento a livello internazionale; abbiamo aggiunto l’H dell’Essere Umano, perché è al centro delle nostre preoccupazioni, tanto quanto è la chiave delle trasformazioni di successo. Il nostro credo è allo stesso tempo semplice e ambizioso, elementare e sottile da attuare: operare la trasformazione partendo dall’esistente, con le donne e gli uomini dell’azienda e attraverso “tocchi” successivi – senza scuotere il sistema.